Le fotografie di Robert Doisneau a Palazzo Pallavicini >>> clicca e leggi

Giovedì 21 maggio 2020 l’esposizione dedicata alla street photography dell’artista parigino Robert Doisneau riapre in tutta sicurezza. 

Anche Palazzo Pallavicini si prepara alla graduale uscita dal lockdown, adottando tutte le misure per garantire il rispetto delle regole sul distanziamento sociale a tutela della sicurezza dei visitatori e del suo Staff.

Così dal 21 maggio al 21 luglio 2020 (la mostra è stata prorogata) le porte del Palazzo si aprono al pubblico e le luci si riaccendono sulle poetiche immagini dell’autore del “bacio” più famoso e discusso della storia della fotografia, presente tra le 143 immagini in esposizione.
Si potrà di nuovo percorre il prestigioso scalone di Palazzo Pallavicini a ingressi contingentati, rispettando il distanziamento sociale e con il vivo suggerimento rivolto a tutti i visitatori di indossare i dispositivi di protezione personale per tutelare sé stessi e gli altri.

La mostra ROBERT DOISNEAU è il risultato di un ambizioso progetto del 1986 di Francine Deroudille e Annette Doisneau – le figlie del fotografo – che hanno selezionato da 450mila negativi, le immagini in mostra che ci raccontano l’appassionante storia autobiografica dell’artista.

Biglietti d’ingresso

  • Intero: € 11
  • Ridotto: € 9 (dai 6 ai 18 anni non compiuti, over 65 con documento, studenti fino a 26 anni non compiuti con tesserino, militari con tesserino, guide turistiche con tesserino, giornalisti praticanti e pubblicisti con tesserino regolarmente iscritti all’Ordine, accompagnatori diversamente abili in compagnia del disabile, soci ICOM con tesserino, ITALO con biglietto avente come destinazione/ origine Bologna con data antecedente/successiva di massimo 3 giorni)
  • Gruppi (minimo 10 persone): € 8 (1 accompagnatore gratuito)
  • Scuole: € 5 (2 accompagnatori gratuiti per ogni classe)
  • Bologna Welcome e Card Cultura: € 7
  • Giovedì Università (con tesserino): € 7
  • Gratuito: bambini sotto i 6 anni, disabili con certificato.
  • Biglietto famiglia: Genitore € 8 Minori dai 6 ai 18 anni non compiuti € 6
  • Biglietto Open: € 14 | Biglietto con prenotazione senza vincoli di orario e data valido fino a fine mostra

Biglietti su prenotazionepalazzopallavicini.com/biglietteria

 

Orari di apertura
da giovedì a domenica dalle ore 11.00 alle 20.00 
(chiusura biglietteria ore 19.00)

Aperture straordinarie (dalle ore 11.00 alle 20.00)
1 + 2 + 16 + 17 giugno 2020

L’ingresso in mostra è consentito fino alle ore 19.00

I libri volanti di Gianni Rodari – mostra a Casalecchio di Reno >>> clicca e leggi

In attesa del centenario della nascita di Gianni Rodari (23 ottobre 2020), la Biblioteca “C. Pavese” di Casalecchio di Reno dedica al grande autore per i più piccoli una speciale mostra di libri “volanti”, sospesi al soffitto dell’Area Ragazzi.

Centro Diagnostico Cavour Bologna Banner

www.centrocavour.it

Filastrocche, racconti, prime letture e albi illustrati dai migliori disegnatori… tutti da sfogliare per scuole, famiglie e curiosi di tutte le età!

La mostra resterà esposta in Area Ragazzi fino a sabato 25 gennaio 2020 (durata prorogata rispetto alla data iniziale del 4 gennaio).

Gli orari di apertura:

lunedì – venerdì dalle 9.00 alle 19.30, sabato dalle 9.00 alle 19.00.

“Pane e Salame” – Visita guidata all’Archiginnasio >>> clicca e leggi

Giovedì 6 febbraio alle ore 17:00, visita guidata gratuita alla mostra Pane e salame. Immagini gastronomiche bolognesi dalle raccolte dell’Archiginnasio” condotta dal curatore Alessandro Molinari Pradelli.

La mostra è la prima di una serie di esposizioni documentarie allestite presso la biblioteca e incentrate sulla storia della cucina bolognese.

Questa prima mostra è dedicata a due elementi fondamentali e caratteristici della gastronomia petroniana, il pane e i salumi.

La loro evoluzione storica verrà illustrata nelle undici bacheche della mostra attraverso disegni, incisioni, libri, opuscoli e bandi. Partendo, per esempio, dalle celebri incisioni di Annibale Carracci delle Arti per via, e passando per la copiosa produzione artistica di Giuseppe Maria Mitelli, arriveremo fino al Novecento, con i disegni di Alessandro Cervellati.

Tutto il materiale esposto, sia quello mostrato in originale sia quello che è stato riprodotto per motivi di conservazione, proviene dalle collezioni della Biblioteca dell’Archiginnasio.

Ingresso gratuito

 

Informazioni

Biblioteca dell’Archiginnasio
Piazza Galvani, 1 
Tel. 051 276811

“Pane e Salame” – Visita guidata all’Archiginnasio >>> clicca e leggi

Mercoledì 8 gennaio alle ore 17:00, visita guidata gratuita alla mostra Pane e salame. Immagini gastronomiche bolognesi dalle raccolte dell’Archiginnasio” condotta dal curatore Alessandro Molinari Pradelli.

La mostra è la prima di una serie di esposizioni documentarie allestite presso la biblioteca e incentrate sulla storia della cucina bolognese.

Questa prima mostra è dedicata a due elementi fondamentali e caratteristici della gastronomia petroniana, il pane e i salumi.

La loro evoluzione storica verrà illustrata nelle undici bacheche della mostra attraverso disegni, incisioni, libri, opuscoli e bandi. Partendo, per esempio, dalle celebri incisioni di Annibale Carracci delle Arti per via, e passando per la copiosa produzione artistica di Giuseppe Maria Mitelli, arriveremo fino al Novecento, con i disegni di Alessandro Cervellati.

Tutto il materiale esposto, sia quello mostrato in originale sia quello che è stato riprodotto per motivi di conservazione, proviene dalle collezioni della Biblioteca dell’Archiginnasio.

Gli altri appuntamenti:
mercoledì 22 gennaio e giovedì 6 febbraio.

Ingresso gratuito

 

Informazioni

Biblioteca dell’Archiginnasio
Piazza Galvani, 1 
Tel. 051 276811

Noi siamo la Minganti – mostra al Museo del Patrimonio Industriale >>> clicca e leggi

A seguito dell’Ordinanza della Regione Emilia Romagna (visualizza ordinanzala mostra è sospesa dal 24 febbraio al 1° marzo.

Nei prossimi giorni verranno fornite, nel dettaglio, tutte le informazioni a riguardo.

L’inaugurazione lunedì 11 dicembre in via della Beverara, 123. 

In arrivo al Museo del Patrimonio Industriale una nuova mostra che racconta Bologna e il lavoro industriale tra fotografia e memoria. 

L’esposizione fotografico-documentale realizzata nel centenario delle Officine Minganti racconta la storia della fabbrica come luogo al contempo del lavoro e della produzione.

Le fotografie provenienti da archivi personali e pubblici documentano il lavoro all’interno dello spazio industriale, la varietà della produzione sino alla mobilitazione contro la chiusura della fabbrica.
Inoltre, materiale documentario e video interviste agli ex lavoratori e lavoratrici completano la ricostruzione dell’identità delle Officine Minganti.
L’iniziativa si sviluppa in sinergia con il più articolato progetto di public history Bologna metalmeccanic@ promosso da Associazione Clionet, Università di Bologna, Fiom-Cgil Bologna, Museo del Patrimonio Industriale.

Ingresso biglietto museo (€ 5,00 intero / € 3,00 ridotto)

L’esposizione può essere visitata negli orari di apertura del Museo previo pagamento del biglietto di accesso al Museo dal 12 Dicembre 2019 sino al 10 Maggio 2020.
Per informazioni: telefono 051.6356611.

Bologna, tra luci ed ombre – la mostra nel Complesso del Baraccano >>> clicca e leggi

Venerdì 15 novembre inaugura nella sala museale Elisabetta Possati, Complesso del Baraccano, in via Santo Stefano 119, la mostra fotografica di Federico Compatangelo, nell’ambito delle iniziative per la candidatura UNESCO dei portici

Introduce Giorgio Comaschi. 

Le immagini raccontano il fascino dei portici, simbolo della nostra città, attraverso 38 fotografie stampate su piuma di dimensione 60×90.

La mostra racconta com’è Bologna, con le sue luci ed ombre che evidenziano particolari e suscitano emozioni e ricordi di altri tempi, per i personaggi che hanno popolato la nostra città, come la “Fatina dei Fiori” che intonava il colore del suo abito con quello dei mazzolini dei fiori che vendeva, o il il venditore del Mercato di Mezzo che per tanti anni ha occupato lo stesso angolo fino a divenire un punto di riferimento,  per quei tratti di portico senza fine, dove, come scrisse lo scrittore francese Jules Janin nel 1838, guizzano come ombre, anziché camminare, coloro che ne sono gli abitanti.

Accompagnano l’esposizione un libro-catalogo e iniziative collaterali:

Le iniziative in programma:
– sabato 16 novembre alle 16, in Sala Consiglio, ricordo di Luigi Rossi, professore emerito dell’Università di Bologna, capace di coniugare il metodo scientifico con la cultura umanistica. amico di Compatangelo.
– sabato 23 novembre, alle 15.30 in sala prof.Marco Biagi, concerto per pianoforte del Maestro Boris Petrushansky
– sabato 30 novembre in sala Museale dalle 15.30 incontro con Federico Compatangelo, autore della mostra.

 

La mostra è aperta dal 16 novembre all’8 dicembre, nei seguenti orari:
Dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 12 e dalle 15.30 alle 18
sabato e domenica: dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 19
lunedì chiuso.

Ingresso libero.

Infanzia, adolescenza e diritti – la mostra in Salaborsa >>> clicca e leggi

Lunedì 28 ottobre verrà inaugurata una mostra in Salaborsa alle ore 17:00 con con la Vicesindaco Marilena Pillati e il Presidente di UNICEF Italia, Francesco Samengo.

I diritti dei bambini e degli adolescenti trovano casa nella Piazza coperta di Salaborsa, dove fino al 2 novembre è visitabile la mostra di Unicef dedicata al trentesimo anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

La mostra raccoglie foto inedite dei primi interventi di UNICEF in Italia, tra il 1943 e il 1945, una selezione di foto, in parte del National Geographic Institute, che documentano l’attività di UNICEF in tutto il mondo, insieme ad alcuni scatti del fotografo bolognese Andrea Venturini realizzati in Etiopia.

Arricchiscono la mostra i disegni delle alunne e alunni dell’Istituto Comprensivo 5 di Bologna, di alcune scuole internazionali e le opere grafiche della XV Esposizione Internazionale Arti Figurative promossa dalla Fondazione Malagutti di Mantova.

Partecipa anche il Museo Giardino Geologico Sandra Forni della Regione Emilia-Romagna, con un contributo dedicato alla sostenibilità ambientale.

La mostra è visitabile negli orari di apertura di Salaborsa.

Al taglio del nastro la Vicesindaco Marilena Pillati e il Presidente di UNICEF Italia, Francesco Samengo.

“Bologna s’industria” – la mostra a San Giorgio in Poggiale >>> clicca e leggi

La mostra fotografica “Bologna s’industria. La rinascita economica dal secondo dopoguerra agli anni ’80 nelle immagini dell’archivio Fototecnica”, a cura di Cinzia Frisoni, offre al pubblico una sintesi della varietà della produzione industriale bolognese di quegli anni, con un’attenzione particolare al modo di documentare fotograficamente categorie di oggetti e prodotti molto distanti tra loro.

Gli autori delle immagini sono quattro operatori formatisi presso lo Studio Villani (Albuccio Arcani, Tiziano Calza, Sigfrido Pasquini e Pietro Roda), che dal 1948 si mettono in proprio orientando la loro attività verso la committenza industriale. Dal 1953 al 1962 la ditta prende il nome di Fototecnica Artigiana per poi trasformarsi in Fototecnica Bolognese dopo l’abbandono del gruppo da parte di Tiziano Calza. A partire dal 1981, dopo la morte dei fondatori, c’è un avvicendarsi di figure nella gestione dell’archivio (a quelle date ormai storico) fino alla cessione nel 1992 alla Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna.

Il percorso espositivo, in mostra fino al 15 gennaio 2020, è suddiviso in 10 sezioni tematiche e composto da 110 fotografie (stampe moderne da scansione digitale dei negativi originali su lastra in vetro), tutte provenienti dal fondo Fototecnica – conservato presso l’archivio della Biblioteca di San Giorgio in Poggiale – e offre uno spaccato esaustivo e sfaccettato della varietà produttiva, punto di forza dell’industria di area bolognese: dal settore meccanico a quello agroalimentare, chimico-farmaceutico e radioelettrico, dalle immagini di vita nella fabbrica fino ai servizi di moda o legati all’arredo.

In occasione della mostra sono previsti alcuni incontri (ingresso gratuito) che si svolgono nella Biblioteca d’Arte e Storia di San Giorgio in Poggiale, secondo il seguente calendario:
– Martedì 5 novembre 2019, ore 17,30, Gianluigi Bovini, Il miracolo della ricostruzione
– Martedì 26 novembre 2019, ore 17,30, Riccardo Vlahov, La fabbrica delle immagini
– Martedì 3 dicembre 2019, ore 17,30, Fotografia industriale e committenza, incontro con alcuni imprenditori, partecipano Patrizia Bauer (Casale Bauer), Giangiacomo Zabban (Farmac-Zabban), Gianfranco Dondarini (Viro).

Info e orari:
San Giorgio in Poggiale – Via Nazario Sauro, 20/2 – quartiere Porto-Saragozza
Lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì ore 9-13; martedì ore 9-17

Ingresso gratuito

Mostra funghi e piante spontanee all’Archiginnasio >>> clicca e leggi

Domenica 13 ottobre il gruppo micologico di Avis Bologna organizza la 42° mostra di funghi e piante spontanee presso la Biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna, in Piazza Galvani 1.

In collaborazione con Confcommercio Ascom Bologna e con il patrocinio del Comune di Bologna, il Gruppo Micologico allestirà nel centro cittadino una mostra dedicata ai funghi e alle piante spontanee per approfondire alcuni affascinanti aspetti della natura.

In occasione della mostra, il Palazzo dell’Archiginnasio osserverà l’apertura straordinaria fino alle ore 18:00. 

La mostra sarà aperta dalle 10:00 alle 18:00. 

L’ingresso è libero. 

 

Promoguida.net è realizzato da ARCOBALENO PUBBLICITA'
Via Papini, 26/b - 40128 Bologna - Tel 051 320424 - P. Iva 04335650372

www.arcobalenopubblicita.it 
 info@arcobalenopubblicita.it

Web Design - Jacopo Kahl
Copyright 2005 - Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione totale e parziale di testi, foto e disegni riportati su questo sito.

L'Arcobaleno Pubblicita' non si assume alcuna responsabilita' per l'uso di marchi,foto e slogan usati dagli inserzionisti.