Terra di Tutti i Film Festival >>> clicca e leggi

Ambiente, sostenibilità, conflitti e diritti umani sono come sempre al centro del Terra di Tutti Film Festival.

La rassegna giunta alla tredicesima edizione, è in programma dal 10 al 13 ottobre tra Bologna e Firenze: più di 40 film da oltre 25 paesi, molti eventi off e incontri per dare spazio alle “voci dal mondo invisibile”.

Consolidata negli anni la collaborazione con gli enti del territorio a partire dalla Regione Emilia-Romagna e l’Emilia-Romagna Film Commission che sostiene il Festival, il Comune di Bologna coinvolto direttamente nel progetto CIAK Migraction, presentato durante la conferenza Le migrazioni tra realtà, narrazione e percezione e l’Alma Mater Università di Bologna che ospiterà diversi appuntamenti tra cui la lectio magistralis con i giornalisti Alberto Giuliani e Andrea Casadio.

Tra gli ospiti, Angela Caponnetto, Silvano Agosti, Domenico Quirico, Ester Sparatore, Gilles Bovon, i videomaker de “Il Terzo Segreto di Satira”, Andrea Sousa Lima e José Ricardo Basílio, rappresentanti brasiliani di Esplar e del Movimento Sem Terra con il giornalista Stefano Liberti, Costanza Francavilla e Kenneth Reams, protagonista del film “Free men” in collegamento telefonico dal carcere (“Free Men”, Bologna, Cinema Lumière, domenica 13, ore 22.30).

Ben sei le location di quest’anno: a Bologna i cinema Galliera, Odeon e Lumiére, Vag61 e Làbas per le anteprime, il cinema Stensen a Firenze per la serata di giovedì 10. Prosegue la collaborazione con l’Università di Bologna con EU Aid Volunteers. Novità di questa edizione Screening OFF & Making OFF, due spazi dedicati alla fotografia e al cinema sociale del futuro direttamente in sala.

Sono quattro i premi assegnati dal festival: il Premio Lo Porto, dedicato al cooperante Giovanni Lo Porto ucciso in Pakistan nel 2015, riconosce il miglior audiovisivo sui temi dei diritti umani e della difesa della pace; il Premio Benedetto Senni, assegnato al miglior documentario che affronta la questione della lotta contro la povertà, lo sviluppo sostenibile e la crisi ambientale; il premio “Voci di donne invisibili” e “Storie di giovani invisibili”.

Novità dell’edizione 2019 del Terra di Tutti Film Festival l’assegnazione della Menzione DAMSlab non onerosa, assegnata dagli studenti del corso di “Analisi dei film” del Dams – Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo coordinati dal Professor Paolo Noto, per un film che valorizza in modo ottimale canoni estetici, filmici e fotografici del mezzo audiovisivo del documentario.

Bologna Estate – Visioni a Catena alla Velostazione >>> clicca e leggi

Dal 18 al 20 luglio 2019, alla Dynamo Velostazione, andrà in scena il festival “Visioni a Catena” un mix di cinema, arte e storie dal mondo della bicicletta per raccontare e far conoscere il suo valore estetico, comunitario, ecologico e come mezzo privilegiato e sostenibile per scoprire territori, culture e linguaggi.

Quest’edizione sarà dedicata alle donne ed al significato che la bicicletta assume per esprimere la sensazione di libertà e di completa autonomia che accompagna la donna nella sua emancipazione.

Sono stai selezionati, infatti, film, illustrazioni e personaggi che raccontano esperienze sociali, sportive e politiche che hanno contribuito al percorso di emancipazione femminile in cui la bicicletta ha avuto un ruolo fondamentale.

Il programma completo:

giovedì 18 luglio
ore 18.00 Biciclette, femminile plurale, inaugurazione del festival con Roberta Li Calzi, Giusella Finocchiaro,
Simona Larghetti, Chiara Aliverti, Rassmea Salah e Fabiola Naldi per parlare del ruolo sostenuto e che può sostenere la bicicletta nel processo di emancipazione della donna;
ore 18.00 Filmaker in bici, workshop su come raccontare una video-storia in bicicletta senza uscire fuori strada;
ore 19.30 Biciclette/Bicycles di Eleonora Antonioni, con l’artista che esporrà 30 ritratti di 30 cicliste incontrate su strade italiane e straniere;
ore 20.00 Voglio una ruota Incontro con Antonella Bianco, regista, e Roberta Amadeo, campionessa di handbike, che racconteranno la nascita e lo sviluppo del progetto dedicata alla bicicletta come strumento di emancipazione;
ore 21.00 I Corti di Cinemambiente, due cortometraggi dal titolo Un viaggio in Bicicletta e Cycologic;
ore 21.30 AFGHAN CYCLES film in anteprima nazionale che racconta la storia di nuova generazione di giovani donne afghane ha scelto la bicicletta per rivendicare i propri diritti.

venerdì 19 luglio
ore 19.00 Io viaggio da sola incontro con Darinka Montico, che illustrerà i suoi viaggi in bici i9n giro per il mondo;
ore 20.00 In viaggio con Tina – Diario illustrato, una mostra con racconti illustrativi;
ore 21.00 I Corti di Cinemambiente, due cortometraggi dal titolo Biciclette a Copenhagen e Ciclo de Cambio;
ore 21.30 Ovarian Psycos, film/documentario sulla storia di una “bicycle brigade” composta da sole donne che a Los Angeles lotta per costruire spazi di autonomia e self-empowerment per le ragazze nere e ispaniche americane.

sabato 20 luglio
ore 18.00 Clito Ride Pedalata femminista, l’evento conclusivo del festival con una pedalata femminista.

L’evento si terrà alla Dynamo Velostazione in via Indipendenza 71/Z, a Bologna.

www.centrocavour.it

 

International workshop festival PerformAzioni >>> clicca e leggi

Il 30 maggio alle ore 20.30 al Laboratorio San Filippo Neri si terrà MEGALOPOLIS#BOLOGNA performance finale del workshop In the cities della rassegna PerformAzioni. 

L’international workshop Festival PerformAzioni nasce con l’intento di creare un appuntamento annuale sull’alta formazione nell’ambito delle arti performative a livello internazionale, ospitando maestri provenienti da tutto il mondo.

L’ottava edizione avrà come tema la città globale e prevede spettacoli, workshop, master class, incontri, esiti di percorsi formativi nel teatro e nella drammaturgia contemporanea ed un convegno internazionale sull’alta formazione teatrale. 

Il festival che ha avuto inizio il 17 maggio e che terminerà il 6 giugno, offre la possibilità di partecipare a diversi workshop che si teranno nel Laboratorio San Filippo Neri e al DAS Dispositivo Arti Sperimentali

Di seguito il programma del festival.

Dal 17 al 30 maggio
Al DAS Dispositivo Arti Sperimentali  e al LABOratorio San Filippo Neri
In the cities, workshop diretto dalla compagnia teatrale Instabili Vaganti.

Dal 28 al 30 maggio
Al DAS Dispositivo Arti Sperimentali
L’autofinzione: raccontarsi in scena, workshop diretto da Sergio Blanco.

Il 30 maggio alle ore 20.30
Al Laboratorio San Filippo Neri
MEGALOPOLIS#BOLOGNA performance esito del Workshop In the cities con la regia Anna Dora Dorno.

Il 31 MAGGIO alle ore 20.30 
Al Laboratorio San Filippo Neri
I fiori del male o la celebrazione della violenza conferenza spettacolo di e con Sergio Blanco che in seguito incontrerà il pubblico. 

Il 5 GIUGNO alle ore 20.30 
Al Laboratorio San Filippo Neri
Il Rito spettacolo nella versione site-specific. Con la regia e drammaturgia di Anna Dora Dorno, le musiche originali di Riccardo Nanni, la produzione di Instabili Vaganti e la partecipazione come performer di Anna Dora Dorno e Nicola Pianzola.
Seguirà l’incontro con il pubblico di Simona Frigerio

Il 6 GIUGNO 
Al DAS Dispositivo Arti Sperimentali
Beginning with Breath, masterclass diretta da Paul Allain. 
Formazione è Ricerca incontro internazionale sull’alta formazione teatrale in ambito performativo.

www.centrocavour.it

Bologna Estate – IT.A.CÀ Festival del Turismo Responsabile >>> clicca e leggi

Venerdì 24 maggio a Palazzo Malvezzi si inaugura l’XI edizione del Festival di Turismo Responsabile IT.A.CÀ che approda a Bologna e in Appennino dal 24 maggio al 2 giugno e dall’8 al 9 giugno. 

Il calendario è ricco di eventi dentro e fuori porta: convegni nazionali, proiezioni, progetti innovativi, appuntamenti inclusivi, presentazione di libri e momenti di confronto attorno all’idea di RESTANZA, trait d’union di tutte le tematiche correlate al festival 2019. Dopo Bologna il festival proseguirà con le tappe: Rimini e le sue Valli, Calabria di Mezzo, Salento, Gran Sasso, Brescia, Ravenna, Trentino, Reggio Emilia, Parma, Pavia, Monferrato, Napoli e Levante Ligure.

L’intenso weekend si aprirà tra percorsi e ritrovi culturali sparsi a macchia di leopardo lungo le strade della città: dalla passeggiata lenta per ammirare il patrimonio floreale di Bologna, agli itinerari alla ricerca del pane fresco di una volta e dei piatti della tradizione, passando per l’antica produzione della seta, grazie a un percorso tattile organizzato al Museo del Patrimonio industriale. Tanti gli appuntamenti che oltre a distribuirsi fra palazzi storici e sedi istituzionali, troveranno pianta stabile per tutto il fine settimana alle Serre dei Giardini Margherita, che da quest’anno aspira a diventare accessibile a tutti, grazie alla collaborazione con IT.A.CÀ e il team di CDH | Cooperativa Accaparlante.

Alle Serre sabato 25 maggio dalle 17.30 è in programma l’incontro con Paolo Piacentini, fondatore di Federtrek e autore di “Appennino atto d’amore”, Wu Ming 2, autore de “Il sentiero degli dei”, Vito Paticchia, autore di “Via della lana e della seta. A piedi da Bologna a Prato”, Simone Frignani, autore della “Guida alla Via degli Dei”, Manuela Bolchini autrice della “Guida delle libere Viaggiatrici”, Stefano Mandelli di Cervelli in Azione che presenterà “Angolazioni rotonde”.

Tanti eventi in calendario anche domenica 26 maggio, fra questi per gli amanti dell’arte e del teatro accessibile: “Forme di marmo”, itinerario a piedi alla scoperta di chiostri, sale e gallerie della Certosa, il complesso monumentale più grande di Bologna (ore 15.00, via della Certosa,16), “MosaicoalTatto”, esperienza multisensoriale del mosaico di 250 mq del gesuita Marko Ivan Rupnik (ore 15.30, Chiesa del Corpus Domini, Via F. Enriquez, 5) e “Fuori luogo”, workshop teatrale in cui, insieme agli attori non vedenti, vedenti e ipovedenti (ore 14.30 – 18.30, Istituto F. Cavazza, via dell’Oro, 3). 
Anche quest’anno, attesissimo il focus sulla fotografia che IT.A.CÀ presenta con le mostre “Red Ants” di James Oatway, ospite internazionale del vernissage (24 maggio, ore 18.00, Qr Gallery, Via Sant’Isaia, 90) e “Neglected Roots” di Laura Frasca, a cura di Valeria Ballabio (25 maggio, ore 19.00, Libreria Trame, Via Goito, 3/c).
Per chi invece avesse voglia di usare la macchina fotografica fuori porta, imperdibile il workshop “Volti dell’Appennino” che si terrà nel fine settimana 25/26 maggio, dalle ore 9.30 alle ore 18.00 a Castiglione dei Pepoli (Officina15, Via Aldo Moro, 31).
La settimana in città continua senza sosta fino al 30 maggio con tantissimi eventi su accessibilità, cultura linguistica, rigenerazione urbana, narrazioni fotografiche, viaggi slow, danze e cene che arrivano da lontano, cornici musicali e progetti di mobilità sostenibile affiancati a molti itinerari a piedi e a pedali dal tramonto alla notte, ammirando la luna, passando per i torrenti sotto terra, tra portici, torri e storie di streghe e signori d’altri tempi.

Da venerdì 31 maggio, il festival si trasferisce sull’Appennino Bolognese al quale per il secondo anno consecutivo, IT.A.CÀ dedica due weekend intensissimi.
Si parte da Marzabotto, in una sorta di staffetta ritmata che passerà poi il testimone ai territori di Castiglione dei Pepoli, Grizzana Morandi e Val di Zena con tantissimi eventi organizzati. Fra questi venerdì 31 maggio il convegno “Il Turismo Sostenibile come strumento di sviluppo economico per l’Appennino Bolognese” (9.30, Parco Bottonelli Via Giacomo Matteotti, 1 – Marzabotto, BO).

In serata c’è l’Astrotrekking sul Sentiero dei Pianeti, una camminata sulla Piccola Cassia attraverso il Sistema Solare sul futuro Sentiero dei Pianeti (partenza ore 18.00 da Osservatorio Astronomico Felsina, via Varsellane, Monte San Pietro). Per chi invece volesse trascorrere il weekend in mountain Bike, IT.A.CÀ offre un pacchetto turistico di 3 giorni e 2 notti lungo la “Via degli Etruschi” tra cultura, natura e cibo tradizionale.

Nel fine settimana 1 – 2 giugno, da Marzabotto tour a tappe nel Parco storico di Monte Sole, camminate lungo le cascate del Rio Pantone, trekking storico culturale, mercatini enogastronomici e tanti momenti di svago anche per bambini che avranno a disposizione giochi di gruppo didattici, campo scuola in mountain bike, mentre i più piccolini potranno dedicarsi alla pulizia e cura degli asinelli, tra giochi animati e letture (dalle ore 10.00, Parco Peppino Impastato, via G. Matteotti, 8 – Marzabotto).
Da Marzabotto a Castiglione dei Pepoli: sabato 1 giugno itinerari tra faggi e castagni, mostre fotografiche, concerti multilingue, cibo di tradizione e la proiezione di “Entroterra. Memorie e desideri delle montagne minori” – Italia 2018/58 (ore 21.00 Officina15, via Aldo Moro, 31 – Castiglione Dei Pepoli).

Domenica 2 giugnoGrizzana Morandi, si riconferma la collaborazione con la piccola “Fiera dei Ciarlatani”: artisti di strada in una festa popolare in stile ‘900 con giochi antichi, scenografie interattive, mercatini, saltimbanchi, maghi e affabulatori di una volta. Non solo festa, ma anche silenzio e introspezione per chi lo desidera, grazie alla passeggiata morandiana attraverso i luoghi amati e dipinti dal grande maestro bolognese (partenza ore 15.00 da Info Point Fienili di Campiaro, Località Campiaro 112/C).

L’ 8 e 9 giugno ci si trasferisce nei territori della Val di Zena con una duplice scelta: scoprire i territori tramite un pacchetto turistico completo, messo a disposizione da IT.A.CÀ, oppure scegliere in autonomia fra gli eventi sparsi nel territorio. Dal percorso speleologico nella Grotta del Farneto, al pranzo bucolico con prodotti locali, dalla biciclettata da Zocca alla festa di Gorgognano A/R, alla visita geologica fra pietre, fossili e botroidi, senza dimenticare l’accessibilità grazie agli itinerari ciclabili per tutti e ai percorsi tattili aperti a persone con disabilità visiva.
Chiude il programma bolognese di IT.A.CÀ una visita guidata al Museo della Preistoria Luigi Donini, alla scoperta dell’origine ed evoluzione dell’Uomo e degli animali, con tanto di accensione del fuoco con pietre focaie (ore 16.30, Via Fratelli Canova, 49 – San Lazzaro di Savena) e dopo, al Parco Dinosauri in carne e ossa, per un tour della vita sulla terra, tra scene primordiali al crepuscolo e in notturna (ore 18.00 e ore 21.15, via Fratelli Canova 49 – San Lazzaro di Savena).

www.centrocavour.it

Festival di Circo Contemporaneo a Casalecchio di Reno >>> clicca e leggi

Torna il Festival di Circo Contemporaneo più atteso nel bolognese.

La nona edizione prevede per la prima volta una programmazione continuativa di ben nove giorni, dal 18 al 26 maggio 2019, sotto la cupola del sognante teatro-tenda viola e verde che sarà allestito nell’area verde di via Cristoni / Nenni angolo Bazzanese, nei pressi della Rotonda Biagi.

Equilibri ha scelto anche nel 2019 di essere un festival per tutti: ogni spettacolo è a entrata libera.

La prenotazione dei posti è caldamente consigliata, esclusivamente telefonando al 370 3214783.

GLI SPETTACOLI:

Sabato 18 maggio
ore 19.30 – Aperitivo di inaugurazione
ore 21.00 – Tre piccioni con una favola con Compagnia Cieocifa

Domenica 19 maggio
ore 16.30 – Spettacolo della Scuola di circo di ArterEgo
ore 19.00 – Aerial Storm con Lunaquiches Aerea Corsi under 18
ore 21.00 – Paccottiglia Deluxe: cialtroneria di qualità superiore! con Circo Pacco

Martedì 21 maggio
ore 21.00 – Salt’in Circo Cabaret con ArterEgo

Mercoledì 22 maggio
ore 21.00 – Inbox con Compagnia Soralino

Giovedì 23 maggio
ore 21.00 – Humanus Comicus con Niño Costrini

Venerdì 24 maggio
ore 21.00 – Gran Cabaret con Circo Inzìr

Sabato 25 maggio
ore 16.30 – Laboratorio gratuito di Piccolo Circo con ArterEgo
ore 18.30 – Effetti collaterali, spettacolo di strada con I Ruvidi
ore 19.30 – Aperitivo Aereo e DJ-Set con Lunaquiches Aerea
ore 21.00 – Gran Gala di Circo contemporaneo condotto da Alex Turra e Roberto De Marchi, con Mélissa e Nicole, Niño Costrini, Santiago Blomberg, David Ayotte e Cateriana Pio, Luca Lugari, Viso&Rachel, Samanta Fois e Lorenzo Mastropietro – 1° replica

Domenica 26 maggio
ore 17.30 – Gran Gala di Circo contemporaneo – 2° replica
ore 19.00 – Effetti collaterali, spettacolo di strada con I Ruvidi
ore 21.00 – Gran Gala di Circo contemporaneo – 3° replica

 

Cavaticcio festival 2019 >>> clicca e leggi

Dal 22 al 26 Maggio 2019, torna Cavaticcio il Festival di musica e arti visive, gathering sociale nella suggestiva cornice del Parco del Cavaticcio a Bologna.

Per tutta la durata dell’evento sarà possibile ammirare installazioni , performance Audio-Video, talks ed esibizioni. Inoltre sarà a disposizione dei partecipanti una  Chill zone, una Kids areas ed una zona dedicata ai ai food trucks. 

Programma

Mercoledì 22 maggio dalle 18.30 alle 23.30 si esibirà la band Slices of a Dog e il duo elettronico bolognese, Quai Du Noise.

Giovedì 23 maggio dalle 18.30 alle 23.30 saliranno sul palco Barresi Project, collettivo guidato dal musicista lucano Antonino Barresi che si muove tra techno, world music, jazz e folk; dopo il concerto, ci sarà il dj set della crew bolognese Beyond Common Ideas.

Venerdì 24 maggio, dalle 18.30 alle 23.30 sarà il turno dei Phresoul, trio italo-inglese di stanza a Londra. Cerimoniere della serata Dj Rou. 

 Sabato 25 maggio, dalle 14.00 alle 23.30 intratterranno gli ospiti del festival Soye, Nas1, Brothermartino, i 2Morph con i Torben Unit e DJ Neumann & Max Graef.

 Domenica 26 maggio, dalle 17.00 alle 19.00 si terrà il torneo di basket 3vs3 ai vicini Giardini Graziella in collaborazione con Radio Fly Web. A seguire ci sarà la performance del gruppo gospel “Sacred roots live“.

www.centrocavour.it

NipPop Festival >>> clicca e leggi

Il Giappone continua a farsi scoprire a Bologna attraverso il NipPop festival, giunto alla sua nona edizione. 

Giappone da gustare è il titolo della rassegna di quest’anno, dedicata al cibo e alla riscoperta dei sapori. Da venerdì 17 a domenica 19 maggio, gli spazi interni e i cortili del quartiere Santo Stefano e del Teatro del Baraccano si animeranno con il festival che indaga i vari aspetti della cultura giapponese contemporanea.

Tra i numerosi protagonisti della cultura giapponese, una serie di ospiti internazionali amatissimi dal pubblico italiano, tra i quali la scrittrice Ogawa Ito, autrice del pluripremiato romanzo “Il ristorante dell’amore ritrovato. E ancora Hirohiko Shoda – noto come Chef Hiro. Spazio anche al manga e all’illustrazione, con la partecipazione della mangaka Est Em e di Yoshiko Noda. Numerosi anche gli invitati italiani, tra i quali la scrittrice Stefania Viti.

Non mancheranno appuntamenti anche per i più piccoli: lo spazio Baraccano Kids – Il Baraccano dei piccoli propone nelle giornate del 18-19 maggio un programma dedicato ai bambini e alle loro famiglie, per avvicinarli – divertendosi e sperimentando – all’universo della cultura giapponese.

www.centrocavour.it

Joint – Street Art, Sport and Food a Bologna >>> clicca e leggi

A Bologna è nato un nuovo spazio di rigenerazione urbana condivisa: è “DumBo”, il distretto culturale e sociale che nasce negli spazi dell’ex Ravone di via Casarini.

Quasi 40mila metri quadrati, un tempo adibiti a scalo ferroviario e ora assegnati, riempiendolo con arte e cultura, ma anche con iniziative di carattere sociale e all’insegna della sostenibilità. 

Per la prima volta a Bologna si avvia un progetto di queste dimensioni su un’area dismessa, immaginando nella logica della partecipazione e della collaborazione tra pubblico e privato, il futuro di un quadrante ampio e strategico della città, come quello che si estende tra la stazione ferroviaria dell’Alta Velocità e i Prati di Caprara. Un progetto di ampia scala che affida alla gestione temporanea dello spazio concesso da FS Sistemi Urbani una nuova idea di riqualificazione urbana che mette al centro la sostenibilità economica, sociale e ambientale e aggiunge a tutto questo contenuti culturali e di aggregazione.

DumBo sarà aperto già dal 10 al 12 maggio prossimo con “Joint – Street Art, Sport and Food”, il nuovo festival dedicato alla cultura street che mette insieme sport e cibo di strada, tra cucine su ruote, musica, danza, arti circensi e mercatini del riuso.

Un’ottima occasione per andare ad esplorare quest’area immensa, composta da 6 enormi fabbricati dal fascino industriale inseriti in uno spazio aperto di oltre 20mila metri quadrati.

www.centrocavour.it

Bologna Gusto Nudo Festival >>> clicca e leggi

Gusto Nudo Festival è un evento biennale che mette in relazione il mondo della produzione agricola artigianale di qualità, in particolare vino nella sua accezione “naturale”, con le arti e la cultura.

Sviluppatosi dall’esperienza di fiera/salone per vignaioli, Gusto Nudo nasce a Bologna nel 2007 per raggiungere la sua dodicesima edizione.

Dal 2 al 5 maggio per la seconda volta in veste di Festival, si articolerà in due location: le Serre dei Giardini Margherita e il Dopo Lavoro Ferroviario.

Il sottotitolo di questa edizione sarà: “Il piacere di trovare quel che non si stava cercando”, conseguenza che deriva dal lasciarsi dominare dalla curiosità, dalla ricerca, dal coraggio di abbandonarsi al fluire dei sensi, dal piacere di abbandonarsi al caso. Le due main location non saranno le uniche ad essere coinvolte: osterie, enoteche e ristoranti saranno ulteriori protagonisti del Festival.

www.centrocavour.it

Promoguida.net è realizzato da ARCOBALENO PUBBLICITA'
Via Papini, 26/b - 40128 Bologna - Tel 051 320424 - P. Iva 04335650372

www.arcobalenopubblicita.it 
 info@arcobalenopubblicita.it


Web Design - Jacopo Kahl
Copyright 2005 - Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione totale e parziale di testi, foto e disegni riportati su questo sito.

L'Arcobaleno Pubblicita' non si assume alcuna responsabilita' per l'uso di marchi,foto e slogan usati dagli inserzionisti.