Ciaccio Banner
ionoforetica_banner
piu-serramenti-serramenta-bologna
clicca-e-sfoglia-2018051 Bologna-banner

BORTOLO INTERVISTA BORTOLOTTI

L’editoriale di Alberto Bortolotti.


Due pareggi consecutivi del Bologna contro squadre da Champions eppure proseguono i mugugni. Perché?

Un po’ per la cronica insoddisfazione / puzza sotto al naso di un tifoso che ha visto – o gli hanno raccontato – di scudetti e di una squadra che faceva tremare il mondo. Un po’, oggettivamente, per prestazioni tecnicamente rivedibili anche se ottenute con il cuore e la compattezza. Tanto per il rimbalzo negativo delle aspettative generate dall’arrivo di un miliardario che però ottiene sul campo risultati simili alle passate gestioni. Non essendoci l’ardire di attaccarlo direttamente (e ciò è comprensibile), si preferisce pigliare la scorciatoia dell’allenatore.

Però la storia del Bologna riceve riconoscimenti importanti…

…infatti nella Hall of Fame del calcio italiano entrano da lunedì Renato Dall’Ara e Arpad Weisz. Sono i protagonisti del ciclo più vincente del calcio petroniano: negli anni ’30 furono vinti 4 scudetti e il Trofeo delle Esposizioni di Parigi, antesignano della odierna Champions League. Era il Bologna, appunto che “tremare il mondo fa”. Lo stratega tecnico di quei trionfi fu l’allenatore ungherese. ebreo, che fu allontanato causa le leggi razziali e morì poi ad Auschwitz. Il suo mentore il presidente reggiano che porterà il club alla vigilia del quinto suo scudetto personale, settimo della storia, vinto il 7 giugno ’64 sul prato dell’Olimpico. Ma lui se ne era andato quattro giorni prima.

Fortitudo vincente, il Pozz debutta benissimo.

Mi racconta un amico che staziona dietro le panchine che il modo in cui ha catechizzato Okereafor in un time out è il simbolo della sua capacità di trasmettere concetti importanti. Poi il fatto che tenga allenamenti lunghi e duri è la prova provata che qualche meccanismo in vigore prima andava migliorato.

 

Ramagli deve dribblare un sacco di pretendenti futuri, tra questi il coach reggiamo Menetti.

Sì, questa “reggianizzazione” in fieri della Virtus mi entusiasma il giusto. Intendiamoci: Dalla Salda è un bravo dirigente. Però in questi casi, se si importa un “modello”, si rischia di riprodurne pregi e difetti. A Ramagli andrebbe fornita la chance di allenare dall’inizio una squadra completa e che lui senta un po’ più sua. Qualche elemento di questa stagione resta per forza e con piacere. Non avendo i soldi di Milano, si tratta di avere un uomo mercato fantasioso e poco avvezzo a percorrere strade prevedibili e costose.

05/04/2018 - Articoli di PROMOGUIDA
Banner-serie-A-home
6a020dd2e5c8cf59f37ac0e932cb760d_Banner-viva-lo-sconto-home-225-163-c-90
Senza titolo-1
Ascom-Confcommercio1banner new emiliaconfartigianatoborghi_onoranze_funebrimatemagia-banner-home1.Centronova-Banner-x-sitoBanner_Centro_LameSan-Ruffillo-Banner-x-sitoPG_logo_piccolomerenderia-gelateria-bolognaimmagine-fotografia-bolognaradio-international-bolognaradio-nettuno-bolognapizzeria-belle-arti-bolognaMaresca
Sei qui: Articoli di PROMOGUIDA

Promoguida.net è realizzato da ARCOBALENO PUBBLICITA'
Via Papini, 26/b - 40128 Bologna - Tel 051 320424 - P. Iva 04335650372

www.arcobalenopubblicita.it 
 info@arcobalenopubblicita.it


Web Design - Jacopo Kahl
Copyright 2005 - Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione totale e parziale di testi, foto e disegni riportati su questo sito.

L'Arcobaleno Pubblicita' non si assume alcuna responsabilita' per l'uso di marchi,foto e slogan usati dagli inserzionisti.